“Da Caporetto al Piave per servire l’Italia ora come allora”.

Il saluto della Comunità di Albate a Don Antonio e Don Alessandro

Dopo il saluto ufficiale della Parrocchia di Albate ai nostri Don Antonio e Alessandro , avvenuto il 1 luglio 2018, tante associazioni di Albate hanno voluto ricordare il 76° compleanno di Don Antonio che da 27 anni è diventato Albatese a tutti gli effetti.

Da parte del nostro Gruppo abbiamo  voluto donare a Don Antonio un piccolo dono fotografico dove abbiamo ricordato del nostro primo incontro con lui . Un incontro , come i tanti per noi Alpini,  che ha portato poi a tante occasioni di amicizia vera e genuina.

Un ricordo simile è stato fatto per Don Alessandro, che ora è stato destinato alla Comunità Parrocchiale di Montorfano,  con il  quale abbiamo condiviso alcuni anni di attività in Albate.

Successivamente il 28 luglio in occasione del 76° compleanno di Don Antonio le 9 associazioni (Agorà incontri Culturali Albatesi, Gruppo Alpini Albate, Corpo Musicale Albatese, Club Amici di Trecallo, Amici di Baraggia, U.S. Albatese, F.C. Albate Calcio, Unione Circoli Cooperativi, Gruppi Famiglia) hanno fatto dono di una bicicletta a pedalata assistita  in occasione di una festa a sorpresa in Oratorio con torta, spumante e macedonia offerta a tutti i presenti.
Il regalo è stato molto gradito da Don Antonio. Abbiamo potuto poi vedere,  il lunedi successivo , il Don nella prima prova su strada in cui è stato davvero entusiasta delle prestazioni della nuova bicicletta che potrà ben usare nei sui futuri spostamenti in città

Con questo dono le associazioni hanno voluto , oltre che festeggiare il compleanno di Don Antonio,  dimostrare la loro vicinanza a Don Antonio che fra poco tempo assumerà un nuovo incarico a Como nella Parrocchia di San Bartolomeo.

Il nostro saluto a Don Antonio

"... scusatemi, ho visto la luce accesa e sono entrato.

Volevo chiedervi se avete la possibilità di illuminare, in occasione del Santo Natale, l'abete che c'è in Piazza della Chiesa

all'ingresso della casa parrocchiale ..."

Carissimo don Antonio; abbiamo voluto iniziare questo messaggio di saluto ricordando le parole del primo colloquio che tu hai avuto

con gli Alpini di Albate alla fine di novembre 1991, pochi giorni dopo il tuo ingresso nella Parrocchia Sant'Antonino.

A distanza di tempo, abbiamo voluto farle nostre come parole profetiche, di una reciproca e splendida collaborazione che,

di anno in anno, si è rinnovata ogni qualvolta la Parrocchia ha avuto bisogno degli Alpini e gli Alpini della Parrocchia.

E anche se ogni tanto qualche incomprensione - naturale conseguenza del peccato originale -

ha inevitabilmente disturbato questa magnifica "alleanza", ciò non ha offuscato per nessun motivo

l'amicizia che ci ha unito e che rimarrà intatta anche adesso che sei chiamato ad altro incarico.

Non troviamo parole per ringraziarti per tutto il bene che hai fatto per Albate e per gli Albatesi;

un bene che non si può quantificare perché straordinario nella qualità e sterminato nella quantità;

compiuto gratuitamente con tanto cuore, con tanta umiltà e con l'assoluta convinzione che solo il bene può migliorare la nostra vita

e quella delle comunità nelle quali ognuno di noi è chiamato a vivere.

Ce lo hai ricordato con il tuo esempio e con l'insegnamento quotidiano del Vangelo.

Al termine di questo breve ma sincero saluto, visto che andrai ad abitare non lontano da Albate,

ti ricordiamo che sarai sempre benvenuto nella sede del Gruppo Alpini di Albate che troverai

... sempre con la luce accesa ... Con sincera e infinita gratitudine!

Il Signore ti benedica e ti custodisca.

Mostri a te il suo volto e abbia misericordia di te.

Volga a te il suo sguardo e ti dia pace.

Il Signore benedica te.

Il nostro saluto a Don Alessandro

(San Francesco)

Volga a te il suo sguardo e ti dia pace. Il Signore benedica te.

Carissimo don Alessandro; quando hai ricevuto la nomina a Parroco di Montorfano, siamo certi che hai vissuto un momento di smarrimento.

Eh sì, perché negli incarichi precedenti: prima a Monteolimpino, poi ad Albate, hai avuto la "fortuna" di incontrare gli Alpini dei rispettivi gruppi; mentre a Montorfano le Penne Nere non sono ufficialmente presenti.

E allora ti sarà venuto in mente quel famoso canto:

"... ohi cara mamma i baldi Alpin van via...ohi cara mamma i baldi Alpin van via ...i baldi Alpin van via e non ritornan più; ohi sì sì cara mamma no, senza Alpini come farò... "

Ma non devi preoccuparti; vedrai che prima o poi la Provvidenza Divina farà in modo che, anche a Montorfano,

qualche Penna Nera si farà viva e tu avrai modo di rinnovare la stima

e l'amicizia sincera che hai sempre dimostrato verso gli Alpini.

Ti ringraziamo di cuore per tutto quello che hai fatto per la Comunità di Albate;

in particolare per nostri figli e i nostri nipoti.

Verso di loro hai scelto di praticare il messaggio di don Giovanni Bosco

affinchè crescano buoni cristiani e onesti cittadini.

E siamo tutti consapevoli di quanto sia importante, nella società nella quale siamo chiamati a vivere,

essere buoni cristiani e onesti cittadini.

Ti auguriamo di essere sempre come noi ti abbiamo conosciuto

e soprattutto come il Signore ti vorrà accompagnare.

Grazie di tutto!

Il Signore ti benedica e ti custodisca.

Mostri a te il suo volto e abbia misericordia di te.

(San Francesco)